Regione Lombardia

Stop alle zanzare. Una ordinanza per ridurre la proliferazione

Pubblicato il 15 giugno 2019 • Ambiente

Stop alle zanzare! Pubblicata l’ordinanza con cui si prescrive nel periodo compreso tra il 15 giugno e il 31 ottobre 2019 a tutta la cittadinanza una serie di regole da rispettare.

In particolare si ordina di:

- non abbandonare in alcun luogo oggetti e contenitori di qualsiasi natura e dimensione dove possa raccogliersi l’acqua piovana (es. barattoli, copertoni, rifiuti, materiale vario sparso);

- svuotare giornalmente qualsiasi contenitore di uso comune con presenza d’acqua e, ove possibile, di lavarli o capovolgerli (es. bacinelle, bidoni, secchi, annaffiatoi, sottovasi);

- coprire ermeticamente i contenitori d’acqua inamovibili (es. bidoni, cisterne);

- tenere sgombri i cortili e le aree aperte da erbacce, sterpi e rifiuti di ogni genere, sistemandoli inoltre in modo da evitare il ristagno delle acque meteoriche o di qualsiasi altra provenienza;

a tutti i condomini e ai proprietari di edifici, si ordina di:

- ispezionare, pulire e trattare periodicamente con prodotto disinfestante larvicida le caditoie interne ai tombini per la raccolta dell’acqua piovana, presenti in giardini e cortili;

- impedire la formazione di acqua stagnante nei cortili e nei giardini;

- procedere periodicamente alle disinfestazioni delle aree verdi;

- effettuare trattamenti di disinfestazione, in due distinti momenti a distanza di 20 giorni l’uno dall’altro, anche attraverso l’utilizzo di comuni bombolette insetticide spray, nei seguenti luoghi: cantine, locali caldaia, locali pompe sollevamento, solai, vasche settiche, camere di ispezione della rete fognaria;

- provvedere nei cortili e nei terreni scoperti dei centri abitati, e nelle aree ad essi confinanti incolte od improduttive, al taglio periodico dell’erba.

Previste multe da 25 a 500 euro.

Ordinanza completa in allegato.

Ordinanza zanzare

Allegato 642.00 KB formato pdf
Scarica